Pignoleria o ottimizzazione?

12 Marzo 2010

sotto Cazzeggiando,Vivendo

E’ un po’ che ci penso e non riesco a darmi una risposta definitiva. Non che sia di vitale importanza eh, però anche così, giusto per capire, per capirmi…
In casa mia tutto ha un suo posto ben preciso, anche le cose più stupide che non ne avrebbero bisogno effettivamente, tipo l’accendino. Eh sì, io “il posto dell’accendino”, nel cassetto in cucina dove ci sono le posate c’è una piccola vaschetta dove c’è l’accendino.
Mi piace sapere che ogni cosa che cerco so dove trovarla, mi piace utilizzare qualcosa e rimetterla subito a posto, come quando cucino. Se per cucinare mi serve l’olio (per esempio) apro lo scompartimento, tiro fuori la bottiglia, utilizzo l’olio che mi serve e la rimetto a posto. Così faccio con altre cose tipo il sale, gli aromi, la farina e tante altre cose.
Se devo utilizzare del tonno apro la scatoletta, verso il tonno e la butto subito via senza lasciarla in giro. Poi, sempre quando cucino, ogni posata o pentola che utilizzo e che poi non mi serve più mentre cucino la metto direttamente nella lavastoviglie così quando avrò finito di cucinare (e di mangiare) non avrò 100 cose da sistemare ma solo quelle ultime 2-3 pentole da sciacquare e mettere via.

Ora, questa cosa da un lato mi piace ma da un altro mi mette un po’ paura. Alcune persone che mi hanno visto mi danno dello psicopatico, altre della persona organizzata, altre mi dicono che do un senso di sicurezza, di rassicurazione, insomma, non ci ho capito un cazzo…

Non sono uno di quelli che se tu metti in disordine si arrabbia o fa scenate, anzi, puoi fare quello che ti pare. Solo che se per caso io sono nei paraggi prendo tutto ciò che è fuori posto e lo rimetto al suo posto, tutto qui.
Sono così in cucina, in soggiorno, in auto, nel mio portafoglio (ogni carta di credito, patente, o altro ha il suo posto fisso e le banconote sono girate tutte dalla stessa parte), in camera da letto, nell’armadio, ecc…
L’unico posto dove ho un gran casino è sotto in taverna/cantina dove prima o poi dovrò dare una sistemata; ma so già una cosa. Nel momento in cui sistemerò la taverna e farò ordine anche lì ogni cosa avrà un suo posto e se cercherò qualcosa saprò dove trovarla.

Ogni volta che parlo di queste cose mi viene in mente una parte dello spettacolo di Enrico Brignano dove la madre stava sempre a pulire, puliva sul pulito e alla domanda “ma perché continui sempre a pulire” la risposta era “metti caso che viene qualcuno…”…..”ma chi deve venì!?!?” 😀

L’ultima cosa che mi piacerebbe fare è passare per un pignolo compulsivo con manie di ordine assoluto, e non lo sono, giuro. Però mi piace avere le mie piccole grandi sicurezze, mi sento bene nel mio ordine e ogni tanto mi chiedo “è un male?”.
Vabbé vado a riordinare la cucina va…

[`friendfeed` not found]
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
Bookmark this on Google Bookmarks
Bookmark this on Delicious
[`tweetmeme` not found]

{ 4 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

1 Glo 12 Marzo, 2010 alle 19:24

ORDINE è fantastico!amore ti preoccupi per l’accendino e le posate? io ho i vestiti e la biancheria divisi per colore, i libri i nordine di altezza (sia nella scrivania che nella borsa) tengo tutti gli scontrini i foglietti e le cose che, “non si sa mai..magari poi mi servono!”
Quando ho letto ciò che hai scritto ho pensato: “forse è una cosa di famiglia”, ma poi ho pensato alla scrivania del mio adorato brother e mi sono immediatamente ricreduta 🙂
Però mi si è accesa una lampadina, ok, mamy e papy sono molto ordinati però nella mia vita c’è stata una persona particolarmente ordinata e tra le tante cose che mi ha trasmesso e insegnato era presente anche questo.
Il mio nonno, il nostro nonno..
Era fatto a modo suo,come ogni persona, non era perfetto, come tutti, ma era lui unico e fantastico con il suo modo di fare tradizionalista e moderno allo stesso tempo.
Era la persoana più ordinata al mondo e basta aprire il Suo armadio per scoprire un mondo fatto di immagini ed emozioni,disposte in ordine e con precisione. Quell’armadio che mi ricorda lui e che mi ricorda che sono nata e cresciuta in un mondo fatto di emozioni spettacolari che porterò con me per tutta la vita perchè fanno parte di me..
Grazie nonno di avermi resa ordinata! :)altrimenti sarebbe un casino, non sarei in grado di vestirmi 😀
ah xkè..amore di cugino..ricorda che l’ordine è fondamentale anche per sapersi vestire! 😀

2 Valle 12 Marzo, 2010 alle 19:29

…e infatti io non è che riesca molto ad abbinare i colori 😀

3 Elena T. 12 Marzo, 2010 alle 19:40

Sto riflettendo se e su quanto sono pignola..
Anch’io ho queste manie, anche se la mia pignoleria o senso dell’ottimizzazione vanno a periodi più o meno intensi. Questo è un periodo meno per mancanza di tempo.

4 Ro 17 Marzo, 2010 alle 11:37

…non ti credevo così…così simile a me: indecisa tra il sentirmi un po’ troppo ordinata, pignola e paranoica oppure vedermi al sicuro nel mio ordine pratico…punti di vista diversi a seconda del giorno e dell’umore, ma in fondo che male c’è? Baci

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: