La mia seconda mamma

22 Febbraio 2010

sotto Dedicando,Raccontando,Vivendo

La vita è un cammino e in questo cammino ci imbattiamo in tante situazioni, in tante problematiche, in tante emozioni e in tante persone. Chi più o chi meno importanti, di quelle che ti lasciano un segno o di quelle che ne hai solo un vago ricordo, di quelle preziose che ogni volta che ci pensi ti senti in dovere di sentirti fortunato ad averle.
Che dire di te, solo bene. Mi hai sempre coccolato da quando ero in fasce e non mi hai mai dato un rimprovero perché “Fabio è Fabio”. Ricordo ogni momento passato insieme, ogni emozione, ogni carezza e ogni risata. Sei sempre stata la persona più bella che io abbia mai conosciuto, senza ombra di dubbio.
Solare, positiva, viva. Ogni problema per te non era mai un problema ma era solo un modo bello per risolverlo perché hai sempre visto il bene dovunque, in qualsiasi momento, in ogni situazione, perché come sempre dici “guardati attorno e vedi come sei fortunato e non lamentarti”.
Mi hai cresciuto viziandomi sia col cibo che con l’affetto, a suon di pasta e ceci, di cicoria e fave, di alici, di dolci alle mandorle, di riso e zucchine e di ogni pietanza che sai fare splendidamente da buona pugliese e donna che sei.
Nella tua vita ne hai viste tante, di cotte e di crude, e hai sempre saputo superare ogni difficoltà e in te va tutta la mia stima, il mio bene e il mio supporto.
So di non essere stato sempre presente, so di telefonarti poco, so di non aver ricambiato tutto il bene che mi hai dato in questi anni e so, soprattutto, quanto io alle volte risulti freddo e non riesca a tirar fuori tutto quello che provo per te. Ma tu non ne soffri perché lo sai. Lo sai quanto ti amo e quanto tu sia importante per me. Sei una donna intelligente e saggia e tutto il resto non conta.
Per non parlare poi dei momenti divertenti, delle passeggiate insieme, delle vacanze al mare quand’ero piccolo, delle albe passate sugli scogli a vedere i pescherecci e delle parole tue di un tempo, quelle un po’ desuete, che non si usano più, ma che fanno di te una persona unica.
Perché il cassetto si chiama tiretto.
Perché non è il vassoio ma è il cabaret.
Perché l’altro ieri era più semplicemente avant’ieri.
Perché quando esci ti metti il paletot.
Perché la pubblicità è solo réclame.

Sono dovuto arrivare a 30 anni e a scriverlo su un blog per dirtelo e un po’ mi vergogno, però sono dell’idea che non è mai troppo tardi per certe cose.

Forse non leggerai mai queste mie parole. Forse qualche persona più informatizzata di te le leggerà e te le farà avere. Forse un giorno prenderò un po’ di coraggio e te le farò leggere io o, più semplicemente, te le dirò a voce, non lo so. So solo che ti voglio bene e che ti voglio godere fino a quando ci sarai, perché quando non ci sarai più dentro di me questo solco non si colmerà.

Non sei solo la nonna, sei la MIA nonna.

[`friendfeed` not found]
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
Bookmark this on Google Bookmarks
Bookmark this on Delicious
[`tweetmeme` not found]

{ 4 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

1 socor 22 Febbraio, 2010 alle 17:35

Un consiglio…solo uno…

Diglielo. A voce, con le lacrime agli occhi ma diglielo.
Falle sapere quanto è importante, quanto lo è stata e quanto lo sarà in futuro.
Dille che la ami e che l’amerai sempre…dille che è importante e che lo sarà sempre.
Il momento in cui glielo dirai non potrà essere che il più felice per te! e per lei!

Un amico!

2 Glo 12 Marzo, 2010 alle 18:23

La conosci e sai che anche se non le dici a parole che le vuoi bene a lei basta una sola telefonata..farle capire che la pensi..che ci sei..perchè lei è li ed è sempre stata lì per te e per tutti..e una chiamata è doverosa..5 secondi per dirle ciao e farle capire che lei è importante!!
ti voglio bene amore!!!!

3 Alex 26 Aprile, 2010 alle 18:33

E’ sempre difficile per noi vederci…conta che ti sto mandando un grosso abbraccio…mi hai fatto commuovere con queste tue parole…Nella sua semplicità la nostra nonna non ha bisogno di sapere tutto questo, lei senza sentirsi dire niente sa qual’è l’affetto che i suoi nipoti provano per lei…come è stato scritto sopra, bastano i piccoli gesti come una telefonata o una fugace visita che non solo fanno felice lei, ma che riempiono il cuore a te come lo è per me e Glo…
Ti voglio bene Cugi’!!!
Alex

4 Valle 26 Aprile, 2010 alle 18:38

Grazie per i commenti e per le belle parole 🙂

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: